Comunicato RSU n° 1 – 18 Marzo 2015

Care colleghe, cari colleghi,
oggi si è svolta la prima riunione della RSU dopo le le elezioni di inizio marzo.
La RSU è così composta: Giovanni Cultraro, Giuseppe David, Fabio Fornari, Enrico Fornoni, Laura Iannotti, Maria Luisa Mazzi, Guido Medaglia, Francesco Trainini, Daniela Valcamonico.
L’ordine del giorno è stato il seguente: 1 elezione coordinatore R.S.U., 2 Varie ed eventuali

Il primo punto ha visto l’accordo unanime dei membri sul nome di Giuseppe David come coordinatore.
Si è discusso inoltre del metodo di lavoro all’interno della RSU: si è affermata la volontà di una maggiore informazione verso le colleghe e i colleghi per favorirne la comprensione e la partecipazione alle nostre attività istituzionali. Sappiamo che il compito che abbiamo di fronte è difficile, ma ci spenderemo per rendere il più possibile e coscienti le colleghe e i colleghi delle varie questioni che dobbiamo affrontare.
Il secondo punto ha incorporato alcuni dei temi oggetto del prossimo incontro di contrattazione il 23 marzo 2015.
Si è affrontata la riorganizzazione dei dipartimenti di Ingegneria, Giurisprudenza ed Economia e delle Segreterie Studenti: sono emerse valutazioni critiche rispetto al non coinvolgimento del personale nel processo ed ai tempi di realizzazione previsti. La condivisione è un requisito fondamentale per l’efficacia dei processi di riorganizzazione.
E’ pertanto intenzione della RSU chiedere un rinvio di questa riorganizzazione per permettere una maggiore condivisione ed un’adeguata formazione delle colleghe e dei colleghi nel loro interesse e nell’interesse di studenti e docenti.
Si è discussa la bozza di accordo sui servizi essenziali in caso di sciopero considerando necessario fare riferimento nel testo di un eventuale accordo solo alle scadenze relative ai pagamenti degli stipendi e dei contributi e ai punti 1.6 e 7 del regolamento sui servizi essenziali.
Per quanto riguarda Piano azioni positive (ex art. 14 c. 3 CCNL) oggetto dell’incontro con l’amministrazione del 23 marzo si ritiene necessaria la presenza del CUG, in quanto l’argomento in oggetto è di sua competenza.
Ci auguriamo che i tre anni che abbiamo davanti possano aprire una stagione di confronto e partecipazione tra i lavoratori.

 

Lascia un commento