Invito a segnalare carenze in organico, Resoconto Contrattazione 06/10/2020 e Stato dei lavori

Gentilissim* collegh*,

a seguito dell’ultima Contrattazione Integrativa di cui segue il resoconto, tenutasi il 06/10/2020, per evitare di escludere, nostro malgrado, alcune strutture dalla segnalazione dello stato di sofferenza

con la presente 

invitiamo i Responsabili delle strutture a segnalare all’Amministrazione con protocollo interno le eventuali carenze di organico.

Buona giornata 

La RSU 

Resoconto Contrattazione Integrativa del 06/10/2020

Buoni Pasto

Siamo giunti in CCI con una proposta di accordo che metteva in sicurezza i buoni pasto per i lavoratori agili.
Le posizioni si sono rivelate diverse dalle nostre aspettative e non immediatamente conciliabili.

La Direttrice ha introdotto il tema ricostruendo la vicenda dei buoni pasto, sostenendo che sostanzialmente non erano dovuti e che per venirci incontro avrebbero concesso massimo 2 buoni pasto a settimana, a coloro che sono in smart working 5 giorni su 5 con 5 rientri. Sarebbero comunque stati riconosciuti, naturalmente, quelli dovuti per le giornate in presenza.

Ha segnalato che la decisione spetta unilateralmente all’Amministrazione dopo un confronto con i sindacati.

Abbiamo fatto presente che nessuna fonte di diritto ne vieta la concessione e che nessun Revisore avrebbe potuto appellarsi ad alcuna norma che li vietasse in regime di smart working. La questione, a nostro avviso, doveva essere risolta in contrattazione, essendo materia contrattuale, anche a seguito dei rimandi recenti della Corte dei Conti.

In questo frangente l’Amministrazione ha proposto massimo 3 buoni pasto settimanali per coloro che sono in smart working 5 giorni su 5 con 5 rientri.


Si è poi entrati nel merito delle motivazioni di questa misura.
Noi abbiamo sostenuto che lo smart working rappresenta un risparmio per l’Amministrazione in termini di costi delle strutture ed in termini di pagamento delle ore straordinarie.

Rappresenta invece un aggravio di costi per il personale che, lavorando da casa, ha dovuto sostenere maggiori consumi energetici, utilizzare propri fogli, stampanti, toner e dispositivi informatici. Inoltre molti hanno visto diminuita specularmente l’entrata per ore straordinarie.

Il presunto risparmio si riduce a poca cosa, essendo le persone in smart working al 100% solo una quarantina, che includono il personale in part time e quelli con due rientri a settimana che non produrrebbero alcun risparmio all’Amministrazione.

Abbiamo inoltre ricordato che lo smart working è una misura di Salute Pubblica che evita il verificarsi di assembramenti. Inoltre la curva dei contagi è in aumento, anche dopo avere scontato il rientro dalle vacanze che sono state l’effetto del mondo economico che spingeva alla ripresa delle attività.


Nel caso di un nuovo lockdown la limitazione dei buoni pasto potrebbe provocare per il personale un’ulteriore perdita di retribuzione.

Abbiamo inoltre ricordato che in questi anni:

–       il pta è diminuito sensibilmente;

–       ha visto anni di blocco salariale;

–       per ragioni storiche ci troviamo con stipendi tra i più bassi a confronto con molti altri Atenei italiani;

–       per molti lavoratori il percorso delle PEO ha portato ad una perdita di salario accessorio;

–       il carico del risparmio del nostro Ateneo non può ricadere solo sulle categorie economicamente più fragili.

Questa misura verrebbe quindi percepita come inutilmente vessatoria.

Viene chiesto se per un risparmio così esiguo vale la pena inviare un ulteriore messaggio negativo al PTA.


Abbiamo ricordato come altre categorie del mondo universitario non siano state così virtuose.

Ci si è lasciati su questo tema rimandando ad un ulteriore approfondimento sui numeri coinvolti (il personale in sw 5 giorni su 5 con 5 rientri sembra davvero di poche unità).

Regolamento Reperibilità

La DG dice che bisognerà rivedere il regolamento della Reperibilità, perché è datato, specie per quanto riguarda l’utilizzo del mezzo aziendale che prevede si usi anche per trasporto familiari nel tragitto casa-lavoro (da vedere nello specifico).

Graduatorie PEO


L’Amministrazione ha garantito l’uscita delle graduatorie entro novembre c. a. ed il bando Covid 3 entro dicembre.
Abbiamo fatto presente, che data l’esiguità del compenso (350,00 € lordi) l’impegno per i lavoratori coinvolti dovrà essere limitato e commisurato all’importo.

Chiusura Natalizia

L’Amministrazione ha già comunicato la chiusura Natalizia concordata: dal 28 al 31 dicembre 2020 con riapertura il 04/01/2021.


Comitato COVID


Abbiamo sollecitato la convocazione.

Test – Tamponi – Vaccini


Il Rettore ha confermato che è previsto un secondo giro di test entro novembre. I tamponi verranno fatti solo a coloro che avranno il sierologico positivo.

Sui vaccini antinfluenzali (su base volontaria) alcune università lombarde si sono consorziate per l’acquisto di dosi da fornire. Unibs non si è ancora mossa. Devono verificare se associarsi ad altre università per l’acquisto, ma semmai verrà fatto solo alle categorie fragili.

 
POLA (Piano Organizzativo Lavoro Agile)

La Direttrice ha confermato di avere presente la questione. Ha però anche detto che esiste un problema interpretativo della norma che prevede il 50% del personale in smart working: non “fino al 50%” nè “almeno il 50%”.

Inaugurazione A/A 2020/2021


Abbiamo detto al Rettore che, naturalmente, può scegliere chi vuole per l’intervento di una figura del PTA a patto che sia chiaro che chi non fa parte degli organi rappresentativi (RSU, Senatore, CPTTAA) è un esponente del PTA e non un rappresentante.


Punti Organico


Abbiamo fatto presente la difficoltà di molte strutture a causa di carenze organico. La Direttrice ha prima chiesto di segnalargliele e poi ha affermato che le aveva ben presenti. Ha detto di avere utilizzato tutti i punti organico e che sono state utilizzate le relative graduatorie.

*********************************************************************

Stato dei lavori aggiornato al 13/10/2020:

In data odierna, 13/10/2020, abbiamo inoltrato all’Amministrazione con protocollo interno:

1)    Richiesta tavolo tecnico per modifiche Regolamento Reperibilità, a cui parteciperanno alcuni lavoratori reperibili;

2)    Rinvio a sede di contrattazione del confronto sulle reciproche osservazioni sul sistema di misurazione e valutazione sulla performance che sarà applicato dall’anno 2021 sul fondo del salario accessorio, il cui contenuto sarà naturalmente e preventivamente illustrato in assemblea.

Un caro saluto

La vostra RSU

Lascia un commento