Grati, l’impegno continua…

Ricordo, come se fosse ieri, ciò che accadde qualche mese fa: chiedemmo ad Enrico di ricandidarsi, in prima istanza, e, a seguito dei risultati elettorali, di non dimettersi subito.

Eravamo alcuni neo-eletti, altri candidati nella RSU, altri ancora solo vicini nella sensibilità, che agiscono “sindacalmente” e non per i propri interessi e lo fanno quotidianamente, pur non avendo sigle che li identifichino.

Gli chiedemmo di non “mollarci”: assumersi la responsabilità, fino in fondo, anche solo di un mandato in RSU è già espressione di generosità estrema, se non lo fai per i tuoi propri meschini interessi.

Non prendemmo per scontato il suo accompagnarci…

Enrico ha accolto il nostro appello e ha RSUizzato per un po’ di mesi e non smetterà di farlo: ha segnalato la piena disponibilità a continuare a collaborare,  esprimendosi rispetto ad alcuni “nodi” e i nodi sono tanti…

Traduco il suo impegno in un appello:

partecipiamo, davvero, alle assemblee, fornendo contributi, o scrivendo a rsu@unibs.it, o fermandoci quando passiamo, per fare due parole, per tre anni abbiamo la responsabilità di rappresentarVi…, ne va della qualità del nostro quotidiano impegno, mi riferisco alla qualità della nostra vita, delle relazioni significative e del nostro lavoro.

Esprimo gratitudine per lo spessore.

Grazie, Enrico.

Katia

 

Un commento su “Grati, l’impegno continua…”

  1. Grazie anche a te, Katia.
    Come anche tu hai ricordato è un lavoro che abbiamo in larga parte condiviso, in diverse forme, sia durante il mandato della precedente RSU che dopo il rinnovo di aprile, ciascuno portando la propria esperienza, sensibilità, visione.
    Sono stati anni molto intensi per me. Mi hanno certamente sostenuto le sincere attestazioni di stima ricevute, ma per me è stato davvero importante anche il carattere formativo di quest’impegno.
    Credo di avere imparato davvero molto in questi anni, di essere – alla mia età! – cresciuto.
    Ora che tocca a te essere più esposta, avere maggiori responsabilità, ti auguro di cuore che anche per te possa essere lo stesso. E chissà che anche altri/e colleghi/e non possano essere attratti all’impegno sindacale dalla prospettiva di questo guadagno, per me di grande valore, e non da altri.
    Un abbraccio. Enrico

Lascia un commento